Associazione Svizzera-Palestina

Die GSP bedankt sich für Ihre Spende  >>> IBAN:   Gesellschaft Schweiz-Palästina

Herzl Basel 1897 300"A Basilea ho fondato lo Stato ebraico".

das ist wohl der bekannteste Spruch zum 1. Zionistenkongress 1897 in 

Basilea

A causa dell'opposizione da parte ebraica (!), invece di Monaco di Baviera, come seconda scelta è stata scelta Basilea.

Il 1997 è stato l'anno dei festeggiamenti: 100 anni!

https://www.hagalil.com/schweiz/zion-100.htm

Oltre all'indipendenza politica del popolo ebraico nella Terra d'Israele, l'idea sionista ha sempre incluso ulteriori aspetti come ideale.

Questi includono necessariamente:

  • un Israele che vive in pace con tutti i suoi vicini;
  • un Israele pienamente indipendente politicamente ed economicamente;
  • il benessere sociale ed economico di tutti i cittadini e le comunità residenti in Israele.

[ sì, lo sappiamo, purtroppo non è andata così, gli indigeni, gli sfollati e i loro discendenti non hanno voluto e non vogliono sopportarlo ].

Lo sapeva anche Benny Morris, uno dei primi nuovi storici ebreo-israeliani:

 "Israele è nato sulle rovine dei palestinesi. [...] Se si volesse fondare uno Stato ebraico qui, nel cuore del Medio Oriente arabo e musulmano, non lo si potrebbe fare senza, per usare un eufemismo, spaccare le porcellane. Gli arabi dovevano opporsi all'arrivo dei sionisti, e i sionisti dovevano sconfiggere gli indigeni e scacciarli per fondare infine il loro Stato". E ancora: "Lo storico deve scrivere ciò che è realmente accaduto. Gli è stato vietato di offuscare l'accaduto, di nasconderlo sotto il tappeto. Questo è ciò che hanno fatto i leader israeliani nel 1948, e in seguito i funzionari, i giornalisti e tutti i tipi di storici, presunti storici. La mia accusa è che hanno mentito sull'intero sviluppo e distorto l'intero quadro". Intervista di Charles Landsmann a Benny Morris: "Un sionista morale non ha problemi...", Basler Zeitung, 27 aprile 1998, supplemento "50 anni di Israele", parte V, pag. 4.


  *******

100 Jahre ZioKongress 200

100 anni di sionismo: La commemorazione ufficiale a Basilea è stata sontuosa sotto ogni aspetto. Tante celebrità, tanta pubblicità, tanti militari e polizia, un budget generoso.

Il contro-congresso e gli eventi di Zurigo e Berna erano molto diversi. Hanno dovuto accontentarsi di una frazione delle risorse e dell'attenzione. Le loro risorse risiedono nella creatività dei senza potere, nella diversità delle prospettive post-sioniste di coesistenza nel rispetto reciproco, nella solidarietà.

100 anni di sionismo: liberazione o oppressione?
Contributi alla contro-conferenza sull'anniversario di Herzl

 

>>> Prefazione   ( tedesco )

>>> estratto pdf   ( tedesco )

                                ********

120 anni ....   21 agosto 2017

Netanyahu 2017 150

Alle celebrazioni a Basilea erano attese circa 1500 persone. Anche il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu aveva annunciato la sua presenza. Si è persino parlato di una visita del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Ma il 16 giugno 2017 il governo di Basilea ha sorprendentemente rifiutato.

A marzo, il governo di Basilea aveva già annunciato che i soli costi di sicurezza erano stimati in 10 milioni di franchi svizzeri.

Nel 1997, in occasione del centenario, si era svolto a Basilea un grande evento con più di 1000 ospiti stranieri, in condizioni di massima sicurezza.

Questa celebrazione, tuttavia, era stata avviata da Basilea ed era sotto il patrocinio del Cantone. Di conseguenza, Basilea era responsabile della pianificazione e i costi non erano un problema. Questa volta, dietro l'evento programmato c'era un'organizzazione privata di fuori Basilea.

Il presidente del PLR e consigliere Luca Urgese: "La sicurezza deve essere garantita, ma allo stesso tempo l'evento deve essere dignitoso. Non è accettabile che il capo di Stato israeliano Benjamin Netanyahu utilizzi tale celebrazione come piattaforma politica, ad esempio per la campagna elettorale.

Anche Tonja Zürcher, co-presidente del partito di sinistra BastA! ha delle preoccupazioni politiche. "Il Congresso sionista avrebbe un grande impatto su un'intera regione e al momento la politica di Israele non è priva di problemi". Zürcher si riferisce alla situazione dei diritti umani in Israele. È quindi importante che al congresso partecipino anche altri gruppi, come le ONG o gli scienziati. Tuttavia, ciò sarebbe difficilmente realizzabile in termini di tempo.

Quindi almeno i festeggiamenti erano su scala ridotta. 

                                ********

125 anni .... 28 / 29 agosto 2022

05.07.2022 Comunicato stampa Consiglio di governo BS

... in risposta a una lettera aperta della Palestine Solidarity Basel Region (1), ha osservato che Basilea, in quanto sede centrale, svolge un ruolo speciale nella commemorazione del Primo Congresso Sionista. Per il 125° anniversario di quest'anno, il consiglio di governo è anche intenzionato a dare agli organizzatori e ai partecipanti alla celebrazione un'accoglienza dignitosa. La visione del presente non è oscurata dall'anniversario; la realtà odierna viene anzi discussa in occasione di eventi all'Università di Basilea, ad esempio. (Informazioni: Marco Greiner, vicesegretario di Stato e portavoce del governo, tel. 061 267 86 36)

( Traduzione: deepl.com )
(1) https://no-to-apartheid.com